primi piatti romani

La cucina italiana è rinomata in tutto il mondo, e questo soprattutto grazie al suo alimento principale: la pasta.

Questa è la tipologia di cibo più replicata all’estero, dove ogni giorno un enorme numero di chef ed aspiranti chef si cimenta proponendo rivisitazioni e personalissime interpretazioni.

La cultura della preparazione della pasta è profondamente radicata in tutte le parti della nostra nazione, e ogni regione e provincia la abbina ai più disparati prodotti del proprio territorio.

Elemento cardine della maggior parte dei “primi piatti”, la pasta è l’elemento più presente all’interno delle diete alimentari degli italiani.

Quando si parla di primi piatti il nostro paese sale in cattedra, sfoggiando i più prelibati accostamenti sia in fatto di carne che di pesce.

I primi piatti Romani possono essere considerati come i più famosi al mondo e soprattutto fra i più gustosi da mangiare e i più difficili da preparare.

Ecco una lista dei più famosi primi piatti romani e dove trovarli.

Bucatini all’Amatricianaprimi piatti romani

Uno dei primi piatti romani più famosi in Italia e al mondo.

La tradizione vuole che questo piatto sia originario di Amatrice (da cui prende il nome), un piccolo comune italiano di 2.461 abitanti situato nella provincia di Rieti.

Si è dibattuto molto sulla sua ricetta fino a quando lo stesso comune di Amatrice non ne ha diffuso una versione ufficiale e certificata.

Gli ingredienti di questo piatto sono: pomodori pelati, guanciale amatriciano stagionato, pepe nero, pecorino romano, peperoncino e vino bianco.

Spaghetti alla Carbonara

La carbonara è un piatto dalla provenienza dubbiosa su cui si dibatte da sempre.

I più fanno risalire l’invenzione di questa ricetta alla Seconda Guerra Mondiale, quando, durante la liberazione dell’Italia dalla dittatura nazista, le truppe americane, stabilitesi per un per un periodo su suolo romano, contaminarono la pasta del luogo con i loro alimenti consumati abitualmente durante la colazione: eggs and bacon (uova e pancetta).

Al di là delle svariate versioni della storia, la città di Roma ha fatto suo questo piatto con magistralità e lo ha reso uno dei più riprodotti a livello mondiale.

Il peculiare nome “Carbonara”, a differenza delle credenze odierne, sembra essere direttamente collegato al colore che assumeva, una volta pronto, grazie alla quantità di pepe presente (appunto nero) che ricordava il carbone.

La carbonara, non avendo un riscontro preciso nella tradizione romana, è orfana di una ricetta ufficiale e ciò la rende un piatto “aperto all’ interpretazione di chi lo prepara”, a patto che venga rispettata la genuinità degli ingredienti.

I più però convengono su questa versione e su questi ingredienti, che sono: tuorlo d’uovo, guanciale amatriciano stagionato, pecorino romano e pepe nero.

Rigatoni alla Griciaprimi piatti romani

La gricia condivide le proprie origini con l’amatriciana ed è uno dei primi piatti più amati della tradizione romana.
Volgarmente denominato “amatriciana bianca”, è un piatto povero che veniva consumato dai pastori quando salivano sui monti per pascolare.

Essi, infatti, potevano portare solo poche quantità di cibo nelle proprie borse, e perlopiù queste scorte erano composte solo da formaggio pecorino e guanciale.

Nonostante la scarsa quantità degli ingredienti, la gricia ha un sapore forte e deciso, e la sua preparazione risulta alquanto ostica.

La ricetta più diffusa è quella che prevede: guanciale amatriciano stagionato, pecorino romano, pepe nero e vino bianco.

Tonnarelli Cacio e Pepeprimi piatti romani

Il cacio e pepe è uno dei più famosi e dei più veloci primi piatti romani da poter cucinare e preparare.

Piatto povero per eccellenza, necessità di soli due ingredienti oltre alla pasta per poter essere cucinato: pecorino romano e pepe nero.

Proprio per questa ragione sono molte le varianti ci questa pietanza, e le più diffuse sono quelle che prevedono l’aggiunta di carciofi, zucchine fritte o asparagi.

Pennette all’arrabbiata

L’arrabbiata, proprio come fa trasparire il suo nome, è un piatto sì gustoso, ma anche molto piccante.

Risulta davvero difficile trovare un ristorante di cucina romana, e italiana, il cui menù ne risulti sprovvisto.

Il piatto in questione non deve essere per nessun motivo confuso con una generica pasta al pomodoro, e le differenze maggiori sono essenzialmente tre.

La prima riguarda l’utilizzo del prezzemolo al posto del basilico, la seconda è l’assenza di formaggio parmigiano grattugiato (al massimo in una variante può essere utilizzato del formaggio pecorino) e la terza è la presenza obbligatoria del peperoncino.

Gli ingredienti della ricetta sono: olio extravergine d’oliva, aglio, pomodori pelati, peperoncino fresco e prezzemolo.

Fettuccine all’Alfredo

Le fettuccine all’Alfredo sono in assoluto il piatto italiano più famoso, diffuso e replicato oltre i confini nazionali.

Sembra quasi un paradosso se si pensa al fatto che in Italia è poco diffuso e sono molti quelli che non sono neanche a conoscenza di questa ricetta.

Le sue origini sono romane e l’inventore è proprio un uomo di nome Alfredo.

La ricetta risulta essere davvero molto semplice, ma come tutte le cose semplici necessita di un certo impegno per crearle e preservarle nel temo.

Gli unici due ingredienti sono: burro e formaggio parmigiano grattugiato.

Rigatoni alla Pajata

Si tratta di uno dei primi piatti più antichi e caratteristici della cucina tradizionale Romana.

Il piatto prende il suo nome dalla pajata, che sta ad indicare l’intestino di un vitello non svezzato, ovvero alimentato solo con il latte materno.

Gli ingredienti di questa ricetta sono: passata di pomodoro, sedano, vino bianco, pajata di vitello, cipolle bianche, aglio, olio extravergine d’oliva e peperoncino.

Dove mangiare i migliori primi piatti romani

Essendo Roma la patria dei primi piatti sopra citati, sarà estremamente difficile trovare un ristorante con un menù sprovvisto di questi.

Ma di fronte ad una così vasta scelta di ristorantini tipici, osterie e trattorie la domanda sorge spontanea: quale scegliere?

Se possiamo permetterci di dare un consiglio, la nostra preferenza cade sui Vitelloni, ristorante che riesce a coniugare tradizione e innovazione nella continua ricerca dei sapori più autentici della città eterna!

Dove trovi il nostro locale e Roma

Il ristorante è sito nel cuore del quartiere di San Giovanni, a due passi dalla Linea A della metropolitana di Roma.

Esso si presenta come un locale polivalente, dove puoi trovare ottimi primi piatti, carni di prima scelta cotte alla brace, pizze classiche o gourmet (con impasto normale, integrale o gluten free) e hamburger di chianina.

I vitelloni sono anche un ottimo luogo dove poter sorseggiare un ottimo Cocktail per un aperitivo, o per un dopo cena, e questo grazie ad un Cocktail bar, aperto dalle 6 del mattino e fino a tarda notte, sito accanto al ristorante.

Raggiungici in Via Amiterno 42/60 e…buon appetito!

Condividi:

Lascia un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *